San Pellegrino in fiore, la primavera a Viterbo

Oggi ci siamo volutamente smarriti tra le vie del centro storico di Viterbo. Quale buon vento ci ha portati qui? La voglia di uscire di casa. Perché queste giornate invitano proprio a stare all’aperto, e in tutta onestà anche un pizzico di curiosità.
Avete mai sentito parlare di San Pellegrino in fiore? E’ un evento nato nel 1987. Che coinvolge i florovivaisti locali nell’esposizione di piante e fiori nel cuore della città medievale.

San Pellegrino in fiore è un’infiorata?Pianta-appesa-S.Pellegrino-in-fiore

 

Nell’arrivare non sapevamo bene cosa ci attendesse. Poiché non avevamo mai fatto un’esperienza similare. Per quanto potevamo immaginarla, nei nostri pensieri prendeva forma come un’infiorata. Ma in realtà non aveva niente a che vedere con quest’ultima.

E’ una vera e propria mostra espositiva di piante e fiori. Che al contempo adornano tutto il centro storico di Viterbo. Trasformandolo in una galleria floreale a cielo aperto. Le vie fanno da pareti su cui invece di esporre dei quadri, vengono appesi dei vasi e dei fiori. La cui pittura sono i colori sgargianti e le tipologie differenti.

 

 

Come visitare questo evento?

Il percorso espositivo lo si può intraprendere in qualsiasi senso e tempistica voluta. Si snoda tra le vie e tocca le principali piazze. Noi lo abbiamo intrapreso nell’ordine a seguire:

“Piazza del plebiscito” è stata invasa dalle bancarelle di ogni genere. Fa sempre piacere fermarsi a curiosare. Perchè con il cambiare della società anche loro hanno iniziato ad evolversi nella vendita dei prodotti, che diventa sempre più innovativi. C’è da dire che si trova sempre quel qualcosa che non si cerca, oltre al fatto che è un tempo piacevolmente speso.

Tra una via e l’altra, abbiamo incontrato l’uomo delle candele. Costui con della cera calda, faceva delle candele sul momento, E’ stato bello quanto interessante vedere in pratica un lavoro così vecchio, di cui tra l’altro non immaginavamo l’esistenza.

Uomo-Candela-S.Pellegrino-ViterboCera-S.Pellegrino-Viterbo

 

Lo sapevate che…?


L’unione dei seguenti 4 componenti crea la luce ardente, mobile e colorata:

 

La cera (elemento acqua), lo stoppino (elemento terra), la fiamma (elemento fuoco) e l’ossigeno bruciato (elemento aria) realizzano una perfetta sintesi simbolica dei quattro elementi della Natura. Questi principi elementari che si trovano riuniti in un’unica fiamma, rendono la candela il simbolo dell’unità della molteplicità.

 

Fontane che si nascondono

Ma lì, oltre l’arco del Palazzo dei Priori vi è la fontana del cortile. Per l’occasione è stata adornata di fiori (solo ai suoi piedi), mentre dei dischetti gialli rifrangendo la luce solare illuminavano la scena. Sembrava quasi come se si volesse nascondere dietro un boschetto colorato.

Cortile-Piazza-Plebiscito-S.Pellegrino

Cortile Piazza del Plebiscito-San Pellegrino in fiore

Appagati da quanto avevamo visto ed incuriositi da quello che potevamo trovare, abbiamo seguito le vie, che hanno tracciato il nostro percorso e con grande stupore abbiamo notato che ogni piazza era caratterizzata da una peculiarità…

Piazza del Gesù-S.Pellegrino-in-fiore-Viterbo

Piazza del Gesù-San Pellegrino in fiore

 

“Piazza del Gesù” ha incarnato a pieno il concetto di mostra, poiché diversi florovivaisti con le loro bancarelle esponevano le piante, illustrandone le caratteristiche mentre una fontana ed una chiesa facevano da sfondo.

 

 

Fontana-S.Pellegrino-Viterbo

Piazza della Morte-San Pellegrino in fiore

 

Nella “Piazza della Morte”, la Fontana della Morte gioiva del contesto colorato e vivace che si contrapponeva al suo nome. Mentre un velo di fiori si poggiava sul filo d’acqua, che veniva disegnato dal suo costante cadere.

 

 

In “Piazza San Lorenzo”, il punto in cui il contesto medievale è più sentito, c’è stata una contrapposizione estetica. Dal giorno alla notte nel cuore della piazza è sorto un giardino. Tra fontane, panche in tufo, chiese, palazzi e archi.

Piazza-S.Lorenzo-S.Pellegrino-in-fiore

Piazza San Lorenzo – San Pellegrino in fiore

Anch’essa con fiori e piante “Piazza san Carluccio” cercava di camuffare uno scorcio di borgo, che in diverse stagioni si vestiva di altri abiti.

Piazza-S.Carluccio-S.Pellegrino-in-fiore

Piazza San Carluccio-San Pellegrino in fiore

La “Piazza S. Pellegrino” era bella a tal punto, che sembrava che tutto il borgo in quell’istante si trovasse lì. Attirato dallo scrosciare dell’acqua della cascata, mentre tutti i scalini erano stati assediati dai fiori.

Piazza-S.Pellegrino-Viterbo

Piazza S.Pellegrino-Viterbo

Il soggetto principale in “Piazza delle erbe” non era la fontana ma la piazza stessa. Il suo spazio era completamente sfruttato da ogni singolo vaso che sbeffeggiandola cercava di tirare a se l’ attenzione dei passanti.

Piazza-delle-erbe-S.Pellegrino-in-fiore-Viterbo

Piazza delle erbe-San Pellegrino in fiore

Secondo noi?

E’ stata un’esperienza nuova. Ancora una volta questo borgo ci ha stupiti contrapponendo alla sua storia e tradizioni un evento così variopinto e vivace, che tra colori e profumi ha animato il centro storico. Ma la parte più curiosa è stata vedere che in ogni piazza c’era un qualcosa di diverso, rendendo il proseguimento ancora più accattivante.

Voi cosa ne pensate? (se abbiamo dimenticato qualche piazza fatecelo sapere)

INFO ORARI E PREZZI SAN PELLEGRINO IN FIORE 2018

C’è un’esperienza di visita o viaggio che ti va di condividere con noi? Scrivici per email, oppure mandaci un messaggio su fb, insomma fai come preferisci, anzi: come se fossi a casa tua, siamo curiosi di scoprire cosa sai.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.